IL CIELO IN UNA STANZA in San Carlo al Lazzaretto

Performance all'organo e canora, ogni giorno, dal 22 settembre al 25 ottobre dalle 14 alle 20 sulle note della celebre canzone di Paoli: Il cielo in una stanza.

Dal 22 settembre al 25 ottobre, ogni giorno dalle 14 alle 20, cantanti professionisti si alterneranno all'organo di San Carlo al Lazzaretto in un arrangiamento della celebre canzone di Paoli, Il cielo in una stanza, che si ripeterà ininterrottamente.

È il progetto The Sky in a Room dell’artista islandese Ragnar Kjartansson voluto dalla Fondazione Nicola Trussardi e concepito in seguito al lock-down.

Dopo i mesi di quarantena, la performance di Kjartansson – spiegano dalla Fondazione Trussardi – può essere letta come un poetico memoriale contemporaneo: un’orazione civile in ricordo dei dolorosi mesi passati a immaginare il cielo in una stanza.

Anche la scelta della location non è casuale: The Sky in a Room verrà messa in scena nella Chiesa di San Carlo al Lazzaretto, un luogo la cui storia è intimamente legata a precedenti epidemie, dalla peste del 1576 a quella del 1630, resa celebre ne I promessi sposi di A. Manzoni.

“Il cielo in una stanza è l’unica canzone che conosco che rivela una delle caratteristiche fondamentali dell’arte: la sua capacità di trasformare lo spazio.” spiega l’artista. “In un certo senso, è un’opera concettuale. Ma è anche una celebrazione del potere dell’immaginazione – infiammata dall'amore – di trasformare il mondo attorno a noi. È una poesia che racconta di come l’amore e la musica possano espandere anche lo spazio più piccolo, fino ad abbracciare il cielo e gli alberi… L’amore sa leggere ciò che è scritto sulla stella più lontana, diceva Oscar Wilde”.

Ex musicista, dal 2007 Kjartansson si dedica interamente alle arti visive, ma i rapporti con la musica e con il teatro – come strumenti espressivi e universi sentimentali – restano centrali in molte sue opere. 

× Attenzione! Testo dell'errore